La Messa, la celebrazione eucaristica e la sua storia

Tabella dei Contenuti

La messa è la più importante celebrazione liturgica della Chiesa cattolica, anglicana, ortodossa e non solo. La  celebrazione ha visto diverse modifiche nel corso della storia e deriva dal termine latino missa, parola di congedo ai fedeli nel rito latino.

In questo articolo, scopriamo alcune interessanti curiosità sulla messa e sull’importanza di questa celebrazione, detta anche celebrazione eucaristica.

Cos’è la messa

La messa, per ogni fedele praticante, è uno dei momenti più belli ed importanti per congiungersi con altri fedeli nel nome di Cristo. La condivisione di una messa è un’esperienza di amore, pace e rimembranza del sacrificio di Nostro Signore per tutti noi.

La messa, o celebrazione eucaristica, ha diversi significati:

  • il convito, rappresenta l’unione fra Cristo e la Chiesa,
  • il memoriale, ricordo della presenza di Cristo,
  • il ringraziamento, per la vita e i doni amorevoli ricevuti da parte di Dio,
  • il sacrificio, ricordare il sacrificio di Cristo sul monte Calvario.

Il fulcro centrale della messa è Cristo. Oggetto di tutti i sacramenti ed i significati della celebrazione, Cristo è rappresentato dal sacerdote, che agisce in sua vece davanti l’assemblea dei fedeli. La messa, però, non è dedicata solo ai presenti all’assemblea. Infatti, questo rinnovato sacrificio di Cristo per la redenzione dei peccati del mondo, è per tutta la Chiesa. Essa coinvolge tutti i vivi, ma anche le anime del Purgatorio.

Il Concilio di Trento impose, nella dottrina della Chiesa, nove dogmi inerenti alla Santa Messa. La mancata accettazione da parte dei fedeli conduce alla scomunica. In particolare, ricordiamo:

  • La Messa è un sacrificio offerto a Dio in ricordo dell’Ultima Cena;
  • La Messa può essere celebrata solo da sacerdoti anche senza i fedeli;
  • La Messa può essere celebrata per i vivi e per i morti, per i peccati, le pene, le soddisfazioni;
  • La Messa di suffragio ai santi ha lo scopo ottenere l’intercessione.

Nel prossimo paragrafo, vedremo le parti di cui si compone una messa.

Come si celebra la messa?

La Messa è composta da due parti fondamentali: la Liturgia della Parola e la Liturgia Eucaristica.Queste due parti hanno diverse parti a loro volta. Analizziamole in breve.

I riti iniziali precede la Liturgia della Parola e sono:

  • l’introito,
  • il saluto,
  • l’atto penitenziale,
  • il Kyrie eleison,
  • il Gloria e
  • l’orazione (o colletta).

L’introito della Messa

Una volta che i fedeli sono in attesa, il sacerdote fa il suo ingresso, iniziando così il canto d’entrata. Il canto d’entrata ha un’importante funzione: favorire la coesione della comunità dei credenti ed introdurre la loro anima nel momento liturgico o della festività.

Il saluto della Messa

Arrivato al presbiterio, il sacerdote celebrante si inchina in segno di saluto all’altare, baciandolo e, in alcune occasioni, incensa la croce e l’altare stesso, in segno di purificazione. Una volta finito il canto ci si fa il segno della croce e viene salutata la presenza di Cristo. Qui è prevista la risposta dei fedeli.

L’atto penitenziale

La messa prosegue con il sacerdote che invita all’atto di penitenza o penitenziale, a cui partecipano tutti i fedeli. Vi è, infatti, una formula di confessione generale che si conclude con l’assoluzione da parte del sacerdote.

Il Kyrie eleison

Dopo di che comincia il Kyrie eleison o Signore abbi pietà. E’ un’antica supplica in greco rivolta a Cristo che serve a prostrarsi simbolicamente davanti a Lui.

Il Gloria

Altro canto o inno è Il Gloria. Antichissimo e venerabile ha la funzione di glorificare e supplicare Dio Padre e Cristo, in nome dello Spirito Santo.

messa i fedeli

La colletta o l’orazione della Messa

Il sacerdote celebrante invita i fedeli a pregare con lui in silenzio e poi dice la sua orazione, con la quale viene comunicato il carattere o il tema della celebrazione.

LITURGIA DELLA PAROLA

Le letture
La Liturgia della parola inizia con le letture. Vengono preparate per i fedeli attingendo dalla parola di Dio, in particolare dalle Epistole e dei Vangeli.

Prima lettura
In alcuni casi, sono brani dell’Antico Testamento e preparano i fedeli a ricevere il sacramento della Comunione. La lettura, fatta sul lato destro dell’altare, è affidata ad un lettore diverso dal celebrante.

Il Salmo responsoriale
Il salmo responsoriale, all’interno della messa, favorisce il raccoglimento e le riflessioni sulla parola di Dio. E’, spesso, eseguito con il canto, favorendo la risposta dei fedeli.

Seconda lettura
Come detto, viene chiamata anche Epistola perché è tratta, quasi sempre, dalle lettere degli Apostoli.

L’acclamazione prima della lettura del Vangelo
In questa parte, il coro canta l’Alleluia o Lodate Dio, esprimendo gratitudine per i doni e gli insegnamenti del Vangelo.

Il Vangelo
La lettura del Vangelo è il culmine di questa prima fase.I fedeli assistono in piedi e il Vangelo è letto dal sacerdote celebrante.

L’omelia
L’omelia è a commento delle letture ed è utile per insegnamenti cristiani.

La professione di fede
Qui viene celebrato il Credo che rappresenta il Simbolo di fede. Tutti i fedeli uniti rispondono alla parola di Dio.

La preghiera universale
Nella preghiera universale o dei fedeli, i fedeli rispondono accogliendo con fede la parola di Dio.

LITURGIA EUCARISTICA

La liturgia eucaristica inizia con la preparazione di pane e vino sull’altare.

La preparazione dei doni
Si pongono i doni i: il pane ed il vino e l’acqua;

Presentazione del pane e del vino
Al vino viene aggiunta un po’ d’acqua, in segno dell’unione tra la vita terrena e quella divina di Cristo.

Lavabo
il sacerdote celebrante si lava le mani in segno di purificazione

Preghiera sulle offerte
il sacerdote fa un’orazione sulle offerte a cui si uniscono anche i fedeli. Nella Messa, unendosi alla preghiera, i credenti fanno propria l’orazione con un Amen finale.

La preghiera eucaristica

La Preghiera Eucaristica è una fase della Messa che inizia con il Prefazio, include il racconto dell’Ultima Cena e si conclude con un Amen da parte dell’assemblea dei fedeli, prima di recitare il Padre nostro.

RITI DI COMUNIONE

Nel rito di comunione all’interno della messa, si recita il Padre Nostro in cui si chiede il perdono dei peccati e il pane quotidiano. Il sacerdote recita la preghiera assieme ai fedeli.

Rito della pace
Si implora per la libertà da ogni male e la pace per l’intero genere umano.

Frazione del Pane (Agnello di Dio)
Qui il sacerdote celebrante spezza il pane e mette l’ostia nel calice. Il significato è il Corpo del Cristo che opera per la nostra salvezza.

Comunione (Beati gli invitati)

Qui avviene la cerimonia dell’ostia. I fedeli si preparano con una preghiera personale a ricevere Corpo e il Sangue di Cristo. Quindi, il celebrante distribuisce l’ostia.

La Comunione ha lo scopo di cementare l’unione tra i fedeli e Cristo.

RITI DI CONCLUSIONE

  • Il saluto e la benedizione da parte del sacerdote;
  • Il congedo dei fedeli;
  • Il bacio e l’inchino all’altare.

Quando si celebra la messa

La messa, secondo la dottrina cattolica, è obbligatoria di domenica e nelle feste di precetto. Nello specifico, l’omelia è raccomandata nei giorni di Avvento e Quaresima.

Le messe più significative

Particolarmente significativa è la messa nei luoghi dei pellegrinaggi. Eccone alcuni esempi.

Messa a Lourdes

La messa nella Grotta di Lourdes è una delle più belle e sentite. Un pellegrinaggio a Lourdes, per assistere alle innumerevoli celebrazioni  eucaristiche in varie lingue, è una meravigliosa esperienza spirituale. Accarezzare la roccia levigata dal passaggio delle mani di tutti i fedeli, ti fa rendere conto della grandezza di questo luogo di pace e serenità.

Messa a Medjugorje

Una messa molto significativa è quella che spesso viene celebrata sul Podbrdo, durante il pellegrinaggio a Medjugorje. In alcuni periodi dell’anno o per ricorrenze come l’anniversario delle apparizioni mariane, ci si riunisce per assistere. Meravigliosa anche la messa celebrata in estate nei pressi del Santuario, sotto la tenda capace di ospitare migliaia di fedeli da tutto il mondo.

Messa a San Giovanni Rotondo

La messa era una delle tante cose a cui teneva Padre Pio. Le sue omelie sono ancora ricordate e documentate, oggetto di culto per chi va in pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo.

Messa  a Fatima

Altra significativa messa è quella nel Santuario di Fatima, dove ammirare la Cappellina delle Apparizioni. Uno dei momenti più toccanti del pellegrinaggio a Fatima.

Conclusioni

La messa è, certamente, una delle manifestazioni più importanti e sentite della fede. Il fatto che sia presente in varie religioni dimostra come sia presente il bisogno di riunirsi delle varie comunità religiose. Celebrare, periodicamente, insieme agli altri fedeli il proprio credo è un modo per avvicinarsi a Dio e accrescere la nostra spiritualità.

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy