Fortezza di Lourdes: un gioiello tra le montagne

Fortezza di Lourdes

Tabella dei Contenuti

Una delle mete religiose più famose al mondo, è sede anche di un’antica roccaforte: la Fortezza di Lourdes. La costruzione si trova in posizione strategica, su di un picco roccioso che sormonta le vallate nei pressi di Lourdes.

Colma di storie e di leggende, oggi la Fortezza di Lourdes è un interessante Museo dei Pirenei. Un luogo che vale, senz’altro, la pena di visitare se ci si trova in pellegrinaggio a Lourdes e dintorni.

Una dei tanti luoghi interessanti e imperdibili presenti in questa meravigliosa cittadina francese, in cui nel 1858 Bernadette incontrò la Madonna di Lourdes.
Tra gli avvenimenti mistici più importanti della storia della Chiesa Cattolica, diede il via ad un longevo flusso di pellegrinaggio verso la famosa Grotta di Massabielle e le piscine dall’acqua miracolosa.

In questo articolo, parleremo della Fortezza di Lourdes, della sua storia e di come possa essere interessante visitarla durante il vostro viaggio a Lourdes.

La Fortezza: la storia

Non meglio identificate le origini, la Fortezza di Lourdes per la sua classica posizione è, certamente, stata oggetto di varie dominazioni. Il fatto che domini le sette vallate di Lavedan, anticamente, permetteva di avere una visuale invidiabile, in modo da prevenire attacchi da tutti i lati.

La storia parla di un attacco, intorno al 778, da parte di Carlo Magno ai danni dei saraceni, all’epoca occupanti della Spagna e della roccaforte in questione.

Mirat, a capo dei saraceni, pur di non perdere la sua posizione di comando nella fortezza, si converte al cristianesimo grazie all’intercessione del vescovo di Le Puy.
Il suo nome di battesimo cristiano sarà Lorus, da cui deriva Lourdes.

Tra l’XI e il XII secolo la fortezza divenne una residenza estiva del conte di Bigorre, per poi divenire nuovamente roccaforte di controllo delle valli sottostanti.

Nel XIV secolo la Fortezza di Lourdes fu ampliata con il torrione e altre torri che oggi non vi sono più, diventando così un’imponente roccaforte. Passata da diverse dominazioni e alternando periodi di lustro e decadenza, la fortezza fu anche residenza di Enrico IV, intorno al 1590.

Nel periodo d’oro della Francia, tra il XVII e XVIII secolo, fu tramutata in prigione dai reali francesi che vi deportavano i loro più feroci oppositori. Diversi interventi strutturali ampliarono e modificarono la fortezza, trasformandola in una caserma intorno ai primi del XIX secolo.

Il torrione è alto 26 metri e risale al 1314, in prima costruzione. Appena entrati vi è una segreta e accanto una scala a chiocciola che porta in cima alla torrione. Nei dintorni, anche un piccolo cimitero pirenaico con lapidi di varie epoche.

Dove si trova la Fortezza di Lourdes

Se ti trovi già nella parte centrale della cittadina o all’esplanade, la grande area nei pressi del Santuario di Lourdes, la fortezza si trova a circa 5 minuti a piedi.

Precisamente, alle spalle della Basilica dell’Immacolata Concezione. Pertanto, se siete in un tour organizzato a Lourdes sarà prevista questa immancabile tappa per comprendere ed ammirare la storia di Lourdes.

Museo dei Pirenei

Dal 1921, la fortezza è ufficialmente il Museo dei Pirenei. Custodisce, infatti, reperti storici, libri e manoscritti appartenenti alla gente che ha abitato la regione o che ha avuto a che fare con i Pirenei.

Raccolte e collezioni sulla storia e la cultura della catena montuosa, sono state catalogate e repertate dalla fine del XVIII secolo all’inizio del XX secolo. Un modo per esaltare la regione a metà tra Francia e Spagna.

Nel 1995 il Museo è stato dichiarato Monumento Storico francese. L’accesso è a pagamento, ma la struttura merita senz’altro di essere visitata per la sua architettura e i reperti che custodisce. Appena all’interno delle mura della fortezza, si può camminare in un incantevole giardino botanico.

La parte museale è divisa in 18 sale tematiche. I temi più importanti, inerenti i Pirenei sono: etnografia, scienze naturali e archeologia, fauna, flora, architettura, arti decorative. Molti degli interni sono stati ricostruiti e riproducono fedelmente l’intenro delle abitazioni di secoli fa, lo stesso vale per i costumi.

E’ presente una selezione di terrecotte risalenti al XVIII secolo e alcuni mobili in stile barocco e opere d’arte donate al museo a metà anni ‘90. Inoltre, arrivati in cima al torrione, si può godere di una vista mozzafiato: il Santuario e il verde di alberi e giardini che circondano tutto.

Quando visitare la Fortezza di Lourdes

Aperto praticamente tutto l’anno da martedì a domenica. Rimane chiuso per le ricorrenze del 1 ° gennaio, 1 ° novembre e 11 e 25 dicembre. I prezzi di ingresso (castello + museo) sono: 3,50 e 7,50 euro.

Un ottimo periodo per visitare Lourdes è quello compreso tra Aprile e Ottobre. In quei mesi, Lourdes vive il periodo di maggiore splendore, con numerosi visitatori e pellegrini che possono godere delle celebrazioni più importanti e della grande processione con le fiaccole che ogni sera alle 21 dona uno spettacolo incredibile.

Nei mesi più caldi, luglio ed agosto, c’è una discreta escursione termica tra le ore diurne e le notturne. Non dimenticare che sei a ridosso di una delle catene montuose più imponenti d’Europa.

Inoltre, se avete la possibilità, si possono organizzare altre attività di svago poco lontano da Lourdes, come rafting tra le correnti che scorrono in montagna, spedizioni di speleologia con guide esperte sui Pirenei, tra gli anfratti delle montagne.

Perché visitare la Fortezza di Lourdes

Visitare la Fortezza di Lourdes è una bellissima occasione di unire cultura e spiritualità in un unico viaggio indimenticabile. Un viaggio che sappia nutrire anima e mente.

Organizzare un pellegrinaggio a Lourdes può davvero essere una delle esperienze più belle da poter vivere. Un viaggio adatto a chi ha la fede nel cuore, a chi la sta cercando o, semplicemente, a chi vuole trovare serenità, rifugiandosi in questo bellissimo luogo di meditazione e pace.

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy