Santa Faustina Kowalska, l’apostola della Divina Misericordia

santa-faustina-kowalska

Tabella dei Contenuti

Santa Faustina Kowalska (in polacco: św. Faustyna Kowalska 13 settembre 1905 – 30 ottobre 1938) conosciuta anche come “l’Apostola della Divina Misericordia” è stata una suora cattolica romana e mistica polacca.

Fu la fondatrice della Congregazione delle Suore di Nostra Signora della Misericordia e fu canonizzata come santa dalla Chiesa cattolica nel 1993. Definita come “l’apostola della Divina Misericordia”, è una santa di cui molti credenti sanno poco, le cui reliquie sono custodite nel Santuario della Divina Misericordia a Roma

È una santa eccezionale dei nuovi tempi, che durante la sua vita non fu solo una figlia e una sorella devota, ma anche una brillante insegnante nella scuola della perfezione cristiana e un’anima sacerdotale, che servì umilmente il popolo di Dio.

Santa Faustina Kowalska, la vita

Maria Faustina, conosciuta anche come Santa Faustina, è nata nel 1905 in un piccolo villaggio della Polonia. Morì alla giovane età di 33 anni, ma il suo ordine religioso cattolico l’ha designata come una delle più grandi sante canonizzate della storia.

La vita di Santa Faustina Kowalska è una delle storie vere più stimolanti ed emozionanti. Come parte della sua missione, doveva promuovere la devozione alla Divina Misericordia.

Questa donna straordinaria, che visse in Polonia all’inizio del 1900 ricevette un dono speciale dello Spirito Santo – poteva vedere il dolore e la sofferenza di coloro che sono in Purgatorio e di coloro che non hanno ricambiato l’amore per Dio.

Ha scritto il suo diario che è diventato la fonte di informazioni da cui Papa Giovanni Paolo II ha stabilito la Domenica della Divina Misericordia come estensione del potere e dell’autorità di Cristo di perdonarci i nostri peccati.

Come detto, l’apostola della Divina Misericordia è stata una potente mistica, credeva che Dio le avesse rivelato il suo piano per il mondo attraverso parole e visioni.

Come scrisse nel suo diario: “Vedo cose come raggi, come un grande lampo di luce bianca, mi colpisce e mi lascia stordita”.

L’infanzia di Santa Faustina Kowalska

Era solo una tipica bambina che viveva la sua vita con poca conoscenza della religione o di cosa significasse essere cristiana quando la Polonia era sotto il dominio sovietico.

Ha incontrato per la prima volta il suo angelo custode (che era vestito di bianco) quando aveva 10 anni. Ha sofferto di dissenteria cronica e di altri problemi medici durante la sua infanzia, così come di bullismo da parte degli altri bambini a causa del suo aspetto fisico.

Queste esperienze contribuirono a formare Santa Faustina nella persona che avrebbe avuto un ruolo così importante nel diffondere messaggi di misericordia nel mondo.

Le prime visioni

Santa Faustina nacque Helena Kowalska il 25 agosto 1905 a Glogowiec, in Polonia. Era la terza di 10 figli nati da Stanislao e Marianna Kowalska.

Nel 1924, all’età di 19 anni, entrò nella Congregazione delle Suore di Nostra Signora della Misericordia a Varsavia e ricevette un nuovo nome – Suor Maria Faustina (anche scritto Sofia) da un convento vicino. Prese i voti nel 1926 e fu mandata a lavorare nel giardino e nella cucina di un convento polacco.

Mentre lavorava come governante per le suore a Vilnius circa un anno dopo, Santa Faustina ebbe diverse visioni di Gesù Cristo, che le chiese di diventare la sua segretaria e registrare il suo messaggio di misericordia per il mondo.

santa-faustina-kowalska-gesù

Gli ultimi anni di vita di Santa Faustina Kowalska

Il 22 febbraio 1931, Dio diede a Santa Faustina una nuova missione. Deve recarsi a Vilnius e fondare lì la Congregazione delle Suore di Nostra Signora della Misericordia. Lo scopo di questa congregazione era di diffondere il culto della misericordia e di servire “le anime imprigionate”.

Nel 1933, con l’aiuto del suo consigliere spirituale, Santa Faustina scrisse un diario in cui registrava tutto ciò che vedeva e sentiva nelle sue locuzioni interiori con Gesù. Il Diario descrive tutte le rivelazioni che Gesù fece a Santa Faustina sulla Sua misericordia, sull’immagine da dipingere e soprattutto su come celebrare la Domenica della Divina Misericordia (ora celebrata la Seconda Domenica di Pasqua).

Santa Faustina morì all’età di 33 anni il 5 ottobre 1938. La sua causa di canonizzazione iniziò nel 1965. Nel 1993 San Giovanni Paolo II la dichiarò santa. Egli istituì anche la festa della Divina Misericordia (che si celebra la prima domenica dopo Pasqua) per la Chiesa universale nel 2000.

La missione spirituale di Santa Faustina

A Santa Faustina Kowalska, ancora Suor Faustina, fu dato il compito di essere l’apostola della Divina Misericordia e di portare questo messaggio al mondo e alla Chiesa. Gesù le disse:

“Figlia, il tuo compito non è quello di scrivere, ma di annunciare la mia misericordia al mondo. Quando sarà compreso? Desidero che la Festa della Misericordia sia un rifugio e un riparo per tutte le anime, e specialmente per i poveri peccatori…. Io effondo un intero oceano di grazie su quelle anime che si avvicinano alla fonte della mia misericordia. L’anima che si confesserà e riceverà la Santa Comunione otterrà il completo perdono dei peccati e delle pene… Che nessuna anima abbia paura di avvicinarsi a Me, anche se i suoi peccati sono come scarlatto. La mia misericordia è così grande che nessuna mente, sia essa di uomo o di angelo, può comprenderla per tutta l’eternità” (Diario 699).

Il diario della di Santa Faustina Kowalska

La missione che Gesù affidò a Santa Faustina consisteva, quindi, nell’esaltare la Sua grande misericordia, fonte di salvezza per tutta l’umanità. Le chiese di diventare sua apostola e segretaria della sua grande misericordia.

Questo consisteva nello scrivere tutto ciò che sentiva e vedeva riguardo alla misericordia di Dio, così come nell’eseguire i compiti che Lui le dava riguardo al culto della Divina Misericordia. Questa missione doveva essere continuata dalle sue sorelle della Congregazione di Nostra Signora della Misericordia e da altre sorelle e sacerdoti.

Il primo compito, affidato a Santa Faustina Kowalska da Gesù, fu quello di dipingere un’immagine secondo il disegno che vide (Diario 47, 48), con la firma: “Gesù, confido in Te” (Diario 327).

Questa immagine doveva essere venerata pubblicamente perché ogni anima conoscesse la grande misericordia di Dio. Doveva essere un richiamo alle esigenze della legge di Dio, che non siamo in grado di osservare da soli (cfr. Diario 2042).

Gesù chiede anche che la Festa della Misericordia sia celebrata la prima domenica dopo Pasqua (Diario 49) e che questo giorno sia preceduto da una novena che inizia il Venerdì Santo (Diario 796).

La coroncina della Divina Misericordia

Gesù disse a Santa Faustina Kowalska che la coroncina della divina misericordia sarebbe stata l’ultima speranza per i peccatori.

Egli disse: “Dite incessantemente questa coroncina che vi ho insegnato. Chiunque la reciti riceverà una grande misericordia nell’ora della morte. I sacerdoti la raccomandarono ai peccatori come ultima speranza di salvezza. Anche se ci fosse un peccatore più incallito, se recitasse questa coroncina una sola volta, riceverebbe la grazia dalla Mia infinita misericordia. Desidero che il mondo intero conosca la Mia infinita misericordia. Desidero concedere grazie inimmaginabili a coloro che confidano nella Mia misericordia” (Diario 687, 965).

L’ora, la festa e l’immagine della Divina Misericordia

La festa della Divina Misericordia, celebrata la domenica dopo Pasqua, è stata istituita da Papa Giovanni Paolo II il 30 aprile 2000.

L’ora: le 3 del pomeriggio

Gesù disse a Santa Faustina Kowalska: “Alle tre, implora la mia misericordia, specialmente per i peccatori; e, anche solo per un breve momento, immergiti nella mia Passione, particolarmente nel mio abbandono nel momento dell’agonia. Questa è l’ora della grande misericordia… In quest’ora non rifiuterò nulla all’anima che mi farà una richiesta in virtù della mia Passione.” (Diario 1320)

La festa: La domenica dopo Pasqua

Nella celebrazione di questa festa siamo invitati a chiedere la misericordia di Dio per noi stessi e per gli altri e ad affidarci completamente a Lui. Come Gesù disse a Suor Faustina: “In quel giorno si aprono le profondità stesse della mia tenera misericordia. Io effondo un intero oceano di grazie su quelle anime che si avvicinano alla fonte della mia misericordia” (Diario 699).

L’immagine di Gesù come apparve a Santa Faustina Kowalska

L’immagine mostra Gesù con i raggi che emanano dal suo cuore e che rappresentano l’amore di Dio e il perdono offerto a tutta l’umanità attraverso la Divina Misericordia. In una mano Gesù tiene un’ostia bianca che simboleggia il Suo corpo sacrificato sulla croce

Conclusione

Proprio come Nostro Signore ha scelto Santa Faustina Kowalska per diffondere la devozione alla Sua Misericordia, noi tutti dovremmo imparare dal suo esempio ad accettare e vivere la misericordia di Dio. Visitare al Chiesa di Santo Spirito in Sassia, in cui sono custoditi i ricordi di Santa Faustina, è una meta obbligatoria di qualsiasi pellegrinaggio a Roma.

Lei ci ricorda che non è mai troppo tardi per tornare indietro, e con l’aiuto di Dio, possiamo fare grandi cose. Attraverso la devozione alla Divina Misericordia, tutta la nostra vita può diventare segno della bontà e della misericordia di Dio.

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy