Tridui

Una tradizione monastica che dona sollievo ai cuori.

Tridui

3 giorni di riti devozionali

Il termine triduo deriva dal latino triduum, ovvero periodo di tre giorni consecutivi.
Per ciò che concerne l’aspetto religioso, i tridui sono una serie di preghiere, ripetuti in 3 giorni consecutivi, collegate tra loro da intenzioni e devozione.

Analogo è il caso della novena, che per l’attività della preghiera ripetuta ha una durata di nove giorni. Il ciclo di preghiere e di riti devozionali è, spesso, celebrato in preparazione per una determinata festa, ricorrenza liturgica o avvenimento personale. Esistono anche tridui per chiedere una grazia, per celebrare un santo e la sua canonizzazione o tridui di ringraziamento.

Origine dei tridui

una pratica di purificazione

La parola Tridui, dal latino, identifica il fatto che le sacre celebrazioni si svolgono per tre giorni dal venerdì alla domenica. Anticamente, i riti legati al Triduo avevano lo scopo di purificazione delle anime, per condurli fino alla sacralità della Pasqua. 

In seguito, la liturgia dei tridui fu associata alla commemorazione dei morti, per prepararli al passaggio.  Una tradizione monastica, soprattutto, in periodi storici caratterizzate da guerre e carestie. In quelle occasioni di lutto, si era soliti accendere un cero in onore dei caduti.

A chi si rivolgono i tridui

atto di preghiera e devozione

Un triduo, come detto, è un ciclo generico di atti di preghiera della durata di tre giorni, nella maggior parte dei casi, però, si individua come Triduo per antonomasia, quello pasquale. I tre giorni che precedono la morte di Cristo:

Dal giovedì santo, alla domenica di resurrezione. 

Altro triduo famoso. è quello di ringraziamento innalzato a San Giuseppe. Un segno devozionale da recitarsi per intero in tre giorni consecutivi.Di solito, viene recitato nei tre giorni finali del mese dedicato a Lui, dal 28 al 30 marzo.  

Altre occasioni sono quelle per ringraziare San Giuseppe oppure manifestare la propria devozione, o chiedendo l’intercessione per una grazia.

Questa è la preghiera del triduo di ringraziamento a San Giuseppe:

Santissimo sposo di Maria, con il cuore pieno di riconoscenza io vengo a Te per ringraziarti di aver, con paterna bontà, accolta ed esaudita la mia preghiera. O caro Santo, come ascoltasti la mia invocazione di soccorso, accogli ora il mio canto di gratitudine. Nessuno mai, ricorrendo a Te, è rimasto deluso.

Le tipologie di tridui

vota la tua anima al signore

Ci sono molte preghiere, intese come tridui, previste dalla liturgia: in onore di un santo, in preparazione ad una solennità religiosa o prima di ricevere una grazia. 

Fare un triduo alla Madonna, 

Il Triduo pasquale ha una durata di tre giorni, intesi come giorni liturgici. In realtà, i giorni un cui si dispiega questo triduo sono quattro.

Ecco un esempio di triduo per chiedere una grazia:

1°giorno
O Serafica Santa Chiara, prima discepola del Poverello d’Assisi, che abbandonasti ricchezze ed onori per una vita di sacrificio e di altissima povertà, ottienici da Dio con la grazia che imploriamo (nominare la grazia) di essere sempre sottomessi al divino volere e fiduciosi nella provvidenza del Padre. Pater, Ave, Gloria

2° giorno
O Serafica Santa Chiara, che pur vivendo segregata dal mondo non dimenticasti i poveri e gli afflitti, ma ti facesti loro madre sacrificando per essi le tue ricchezze e compiendo molti miracoli in loro favore, ottienici da Dio, con la grazia che imploriamo (nominare la grazia), la carità cristiana verso i nostri fratelli bisognosi, in tutte le necessità spirituali e materiali. Pater, Ave, Gloria

3° giorno
O Serafica Santa Chiara, luce della nostra patria, che liberasti la tua città dai barbari devastatori, ottienici da Dio, con la grazia che imploriamo (nominare la grazia), di vincere le insidie del mondo contro la fede e la morale conservando nelle nostre famiglie la vera pace cristiana con il santo timore di Dio e la devozione al Santissimo Sacramento dell’ altare. Pater, Ave, Gloria.

Oppure il triduo pasquale: i tridui pasquali iniziano, infatti, il giovedì Santo, verso sera; continua nel venerdì Santo, detto della Passione del Cristo, poi nel sabato Santo; ed infine nella domenica di Pasqua. La Santa Pasqua è un’occasione per ritrovarsi tutti insieme, coinvolgendo anche chi normalmente non crede.

Un triduo al proprio Angelo Custode per chiedere protezione. 

1°giorno
Angelo mio custode, tu che ti sei degnato di prenderti cura di me, povero peccatore, ti prego, ravviva il mio spirito di viva fede, ferma speranza e infinita carità affinché pensi solo ad amare e a servire il mio Dio.

2°giorno
Nobilissimo Principe della Corte celeste che ti degnasti di prenderti cura della mia povera anima, difendila dalle insidie e dagli assalti del demonio perché non abbia ad offendere il mio Signore per l’avvenire.

3°giorno
Pietosissimo custode dell’anima mia, tu che tanto ti sei umiliato venendo dal cielo sulla terra per impiegare il tuo ministero a favore di un essere così misero come sono io, fa’ che io sia pienamente persuaso che niente posso senza il tuo potente aiuto e la grazia del mio Signore.

In tempi di sofferenza la preghiera è di grande sollievo. Ecco un triduo per una situazione disperata:

1°giorno
O splendore eterno del divin Padre, sospiro e conforto dei credenti, Santo Bambino Gesù, di gloria incoronato, deh! abbassa il tuo sguardo di bontà su tutti coloro che a te ricorrono fiduciosi.

2°giorno
O Santo Bambino Gesù, in te solo l’anima nostra, trova il vero conforto! Da te solo si può attendere la tranquillità interiore, quella pace che allieta e conforta.Volgi, o Gesù, sopra di noi il tuo sguardo pietoso; mostraci il tuo sorriso divino; alza la tua destra soccorritrice; e allora, per quanto amare possano essere le lacrime di questo esilio, si muteranno in una rugiada di consolazione!

3°giorno
O Santo Bambino Gesù, conforta ogni cuore afflitto, e a noi dona tutte le grazie di cui abbiamo bisogno. Così sia.

Recitare il triduo è una grande scelta che, come per le novene, richiede concentrazione, cuore puro e devoto. La preghiera è un modo per infondere in noi la presenza di Cristo, bisogna dare Lui la possibilità di guardare la nostra anima, solo così possiamo ottenere aiuto.

Leggi i Tridui

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy